lunedì 9 marzo 2009


Capitolo Duecentonovantaduesimo. Flash


Passi. Piedi. Passi e rumore. Passo: crepitio di foglie; passo: scricchiolio di legno; passo: fischio di gomma; passo: fruscio di tappeto.
Echi, vicini, che rimbombano nel vuoto, mentre le luci si spengono sul sipario della novità.
Saluti, voci, telefonate verso un pianeta lontano, che ci ostiniamo a chiamare casa.
Attesa di tutto, piacere di nulla, ovunque, solite storie, fabula e intrecci, soggetti di fotografie che si fingono immortali.

La vera solitudine è in un luogo che vive per sé e che per voi non ha traccia né voce, e dove dunque l'estraneo siete voi.

3 Commenti:

  • comincio a preoccuparmi.
    cazzo è successo alessia?
    serve aiuto?

    d.

    Di Anonymous Anonimo, scritto alle 10/03/09, 21:55  

  • hai letto schopenhauer ultimamente...???

    Di Anonymous kincob, scritto alle 10/03/09, 23:06  

  • Niente Arthur, nessun pendolo che oscilli tra dolore e noia, nessun bisogno di aiuto, solo un po' troppo tempo trascorso in compagnia di Brötezu.

    Un messaggio in codice per chi era con me.

    Di Blogger alesssia, scritto alle 12/03/09, 18:55  

Se hai qualcosa da dire...

< Home